ARCHIVIO PROVINCIALE CAPPUCCINI ASSISI

STORIA

L’Archivio storico della Provincia dell’Umbria dei Frati Minori Cappuccini ha una sede fissa solo dal 1910. Prima di questa data l’Archivio seguiva il Ministro provinciale, il quale solitamente sceglieva come residenza ufficiale il convento in cui risiedeva all’atto della nomina. Nel 1847 il Capitolo generale dell’Ordine tentò di imporre alle varie province di stabilire un convento «in quo habitualiter moderator provinciae moraretur et archivum, in quod documenta servari possent, in eodem erigeretur», ma fu solo in seguito a un decreto del Ministro generale, del 3 maggio 1910, che in Umbria venne individuata quale sede della Curia provinciale, e conseguentemente dell’Archivio, la cittadina di Foligno. Dopodiché un altro decreto, del 28 maggio 1925, stabilì il definitivo trasferimento della sede da Foligno ad Assisi e così dal 1926 ad oggi la Curia e l’Archivio provinciale sono ubicati in Assisi (“Palazzo Sperelli”), via San Francesco 21. Per l’inevitabile dispersione di materiale avvenuta nel corso dei vari trasferimenti di sede e a causa delle due soppressioni, napoleonica (1798) e italiana (1860), l’Archivio è stato sicuramente impoverito nella grandezza del suo patrimonio documentario.

Storicamente sono documentati, successivi alla confusione indotta dalle soppressioni, due interventi di riordino dell’Archivio ad opera di P. Illuminato da Città di Castello, nel 1812, e di P. Bernardo da Ceglie, nel 1880. Nel 1957 l’archivista P. Francesco da Vicenza cominciò un rinnovamento dell’Archivio secondo criteri più moderni dotandolo di uno schedario e, quattro anni dopo, di 60 cartelliere. È l’avvio di una risistemazione che proseguirà con P. Casimiro Finauro, nominato archivista e annalista provinciale nel 1959. Padre Casimiro avvia anche il riordinamento dell’Archivio dividendo «per materie, provenienza e contenuto tutti i documenti cartacei disponendoli secondo un criterio razionale e scientifico nelle 121 cartelliere» dove sono collocati, per la maggior parte, ancora oggi. Nel 1984 P. Casimiro muore e il riordino da lui iniziato viene in parte vanificato dalle conseguenze dei lavori di ristrutturazione del palazzo che iniziano alla fine del decennio. In quella occasione tutto il materiale presente nell’Archivio venne traslocato nei locali della Biblioteca conventuale senza una metodologia che ne permettesse poi la ricollocazione originaria e senza delle precauzioni per la sua custodia così che oggi molti fascicoli sono mischiati tra loro e molte carte si sono perdute. Nel 1992 si conclusero i lavori di ristrutturazione dello stabile. Nel 1995 si procede alla «computerizzazione dell’Archivio Provinciale».

Dopo il terremoto del 1997 i locali della Curia, dichiarati inagibili dai tecnici del Comune, vengono chiusi. Nel 1999 iniziano i lavori di consolidamento e ristrutturazione dell’immobile che termineranno nel 2003. Intanto l’Archivio viene trasferito due piani dabbasso nel refettorio del convento. Questa volta si predispone il trasloco contemporaneo delle carte e dei mobili conservando dunque la documentazione nelle stesse collocazioni ed evitando sia la perdita che la confusione delle carte. L’Archivio è stato riaperto nel marzo 2003. È in fase di studio un progetto di riordinamento.

SERVIZI OFFERTI

L’Archivio attuale è composto da due stanze più una sala consultazione. La sala consultazione è provvista di una presa per il collegamento del PC e di una fotocopiatrice. È possibile consultare in formato digitale il primo volume del Libro “Campione” e il “Manoscritto di Foligno” (XV sec.) contenente copia della “Legenda dei tre compagni”. L’Archivio possiede una biblioteca aggiornata solo per ciò che riguarda la produzione interna all’Ordine cappuccino: il Bollettino Ufficiale per i Frati Minori Cappuccini della Provincia Serafica, i volumi di Analecta Ordinis, i fascicoli della rivista Collectanea Franciscana. Non esiste un catalogo della biblioteca dell’Archivio.

COMPLESSI ARCHIVISTICI

Sommario generale di tutti i documenti cartacei:

S.Sede (1440[sic]- 1961)
Curia Generale(1631-1966)
Procura Generale(1586-1958)
Curia Provinciale (1630-1964)
Studi (1642-1965)
Inventari dei Conventi (1866-1964)
Conventi (1550-1969)
T.O.F. (1881-1970)
Opera Serafica SS. Messe (1920-1956)
Apostolato: predicazione, stampa, convegni ecc. (1856-1969)
Servizio Militare (1887-1968)
Statistica generale della Provincia (1534-1965)
Professioni semplici (1848-1956)
Professioni solenni (1863-1956)
Postulazione Provinciale per la causa dei Santi (1599-1961)
Postulazione Generale per la causa dei Santi Personali Necrologia (1848-1971)
Dimissioni dall’Ordine Calendario Frate Indovino (1946-1966)
Missioni (1906-1969) Centenari Francescani (1882 e 1926)
Controversie di Questue tra l’Umbria e le Marche (1600-1700)
Atti legali della Provincia (1870-1949)
Fotografie
Miscellanea

Inventario dei mss. rilegati d’interesse specifico per la Provincia:

Registri delle Vestizioni (1668-1916)
Registri delle Professioni e Professioni-Vestizioni (1573-1967)
Registri delle Proteste (dichiarazioni) prima della Professione (1707-1918)
Libro Campione (1614-….)
Cronache dei Conventi (1883-1972)
Cronaca Diaria della Missione del Rio Negro (1909-1915)
Documenta Missionum (1885-1895)
Procedure giudiziarie canoniche (1593-1854)

Altri Registri non inventariati: Vacchette, Protocolli, Libri amministrativi, Matricole, etc.



CONTATTI

Archivio Provinciale Cappuccini Assisi
Via San Francesco, 21- 06081 Assisi (PG)
Telefono: 075-812280 (int. 03/05/07)
E-mail: assisi.archivio@fraticappuccini.it
Responsabili: fr. Daniele Giglio; fr. Gustavo Alves; Dott. Piotr Lula
Accessibilità: su richiesta motivata
Orario: previo appuntamento

DOVE SIAMO


Visualizzazione ingrandita della mappa